Transaminasi Alte: infiammazione o danno al fegato? Ne parliamo con l’epatologa americana Sjogren.

Allarme Transaminasi alle stelle: infiammazione o danno al fegato? Ne parliamo con l’epatologa americana Maria H. Sjogren (Walter Reed Army Medical Center).

Le transaminasi alte (ALT e AST) possono essere indice di patologie croniche del fegato e interessare anche gli sportivi. Per capire perché vanno monitorate e quando occorre allarmarsi ne abbiamo parlato con uno dei massimi esperti del settore, la dott.ssa Maria H. Sjogren, Direttore di Ricerca sull’Epatologia presso il Walter Reed Army Medical Center in USA. Vediamo cosa ha risposto.

Cosa sono le transaminasi?

Si tratta di enzimi che intervengono nella transaminazione, ovvero nella trasformazione di un aminoacido in un altro. Per questo motivo partecipano pure alla trasformazione degli aminoacidi in energia spendibile o immagazzinabile (in special modo se ci si ritrova davanti a uno sforzo fisico lungo ed impegnativo). Quando gli epatociti, ovvero le cellule epatiche, o i miociti (ovvero le cellule dei muscoli) sono danneggiati e si rompono, le transaminasi fuoriescono e vanno a finire dopo un lungo processo nel sangue, aumentando la loro concentrazione e quindi dando valori alti di transaminasi.

Esse sono ubicate in ogni distretto del nostro organismo. Per ciò sono dette anche “enzimi ubiquitari“. Pur tuttavia esse sono piuttosto abbondanti nel fegato e nel muscolo scheletrico striato. Pertanto la prima cosa che un Paziente pensa quando si trova di fronte a valori alti delle transaminasi è quella di avere un danno epatico, magari scordando di essere uno sportivo o di aver fatto intensi sforzi fisici per un tempo prolungato.

Le transaminasi catalizzano le reazioni di trasferimento di un gruppo amminico (-NH2) da un amminoacido donatore (di solito il glutammato) a un α-chetoacido accettore.

E non è tutto, esse contengono un coenzima vitaminico, il piridossal fosfato (Vit. B6) (PLP), che durante la reazione riceve il gruppo amminico dal glutammato e diventa piridossamina fosfato (PMP).

Ancora più nelle specifico. Le transaminasi sono:

Altri enzimi simili alle transaminasi.

Vi sono tuttavia anche altri enzimi analoghi alle transaminasi, che se alti nelle concentrazioni ematiche possono far pensare a epatocellulare o multi-organo.

Questi enzimi si chiamato:

  • lattico deidrogenasi (LDH);
  • gamma-glutamil-transpeptidasi (Gamma-Gt);
  • fosfatasi alcalina (FA);
  • ornitil-carbamil-transferasi (OCT);
  • aldolasi.

Attraverso le transaminasi medici e infermieri hanno a disposizione un gruppo di esami specifici per valutare lo stato funzionale e, limitatamente, anatomico degli epatociti.

Tali esami diagnostici esprimono lo stato di permeabilità delle membrane cellulari. Se gli epatociti sono sofferenti la loro membrana perde la capacità di svolgere le normali funzioni di barriera, per cui diventa più permeabile della norma. La permeabilità aumenta con la presenza di necrosi.

Tali test sono molto sensibili e fanno emergere pure piccole alterazioni funzionali degli epatociti leggermente, mediamente e altamente sofferenti. Ci si deve allarmare quando la permeabilità è ad alti livelli.

Quali sono i livelli normali di transaminasi?

L’esame delle transaminasi rivela la corretta funzionalità epatica e cardiaca. Stabilisce, inoltre, eventuali alterazioni del fegato o del miocardio responsabili di patologie e disturbi.

Le transaminasi GOT (o AST), sono presenti soprattutto nei muscoli e nel miocardio con  valori normali inferiori a 35 U/l per le donne e inferiori a 40 U/l per gli uomini.

Le transaminasi GPT (o ALT), sono presenti soprattutto nelle cellule del fegato con valori normali sono inferiori a 35 U/l per le donne e inferiori a 40 U/l per gli uomini. Quando tali livelli risultato in salita rispetto alla norma possono essere indice di presenza di epatopatie o di steatosi epatica.

Perché i livelli di alanina aminotransferasi (ALT) e aspartato aminotransferasi (AST) sono monitorati nei pazienti con malattia epatica cronica?

I medici controllano gli enzimi delle transaminasi perché sono buoni indicatori dell’infiammazione che può compromettere la funzionalità epatica. Quando vediamo transami-nasi anormali, pensiamo alle malattie del fegato. Tuttavia, livelli elevati di transaminasi non discriminano tra i vari stati patologici. Una volta rilevati livelli elevati, è necessario individuare la causa dell’anomalia.

In che modo la disfunzione epatica e l’esercizio vigoroso sono entrambi collegati all’aumento dei livelli di transaminasi?

Gli individui sani hanno livelli normali di enzimi transaminasi. Sebbene i livelli che costituiscono “normale” siano attualmente in discussione, la maggior parte delle persone sane ha livelli riconoscibili all’interno dell’intervallo normale.

Tuttavia, proprio come questi marcatori non discriminano tra le malattie del fegato, non discriminano tra diverse fonti di infiammazione. Pertanto, livelli elevati possono essere ricondotti all’infiammazione muscolare e all’infiammazione epatica. Le persone che fanno esercizio fisico pesante (p. es., sollevatori di pesi, maratoneti, soldati che svolgono lavori pesanti) possono avere livelli di transaminasi anormali, così come coloro che soffrono di traumi muscolari, come un infarto del miocardio o anche un intervento chirurgico in cui alcuni muscoli vengono tagliati. Il normale processo di riparazione in questi casi genera infiammazione e aumenta i livelli di transaminasi.

ALT e AST reagiscono in modo simile all’infiammazione epatica e muscolare?

Fondamentalmente, la reazione tra i due è simile. Ancora una volta, c’è un rapporto che negli individui sani è considerato normale. I livelli di AST normalmente misurano a circa 0,8 dei livelli di ALT. Una disregolarità di questo rapporto può anche segnalare una malattia epatica, ma di solito l’infiammazione di qualsiasi tipo colpisce entrambe le misure.

Gli aumenti legati all’esercizio possono essere correlati all’incidenza individuale dell’esercizio o dello sforzo muscolare, oppure si accumulano nel tempo?

Le pubblicazioni MS sull’argomento hanno documentato che una volta che gli enzimi sono anormali, rimangono anormali fino a 1 settimana. Se i soggetti si esercitassero di nuovo vigorosamente durante quella settimana, i livelli di transaminasi potrebbero aumentare ulteriormente. Alcune delle anomalie sono state notate come significative, in particolare nei maratoneti.

È possibile aumentare i livelli di transaminasi con l’esercizio aerobico o l’aumento si verifica solo in combinazione con l’allenamento della forza o il lavoro manuale?

L’allenamento di forza e il lavoro manuale molto pesante sono una causa molto più probabile di livelli elevati rispetto all’esercizio aerobico. La maratona è una forma estrema di esercizio aerobico, ma non la classificherei allo stesso modo. Sebbene non ci siano molti studi sull’esercizio aerobico, corse più brevi su tapis roulant non producono le anomalie che si verificano nelle persone che corrono per 26 miglia o più. I maratoneti hanno il potenziale per danneggiare gravemente i muscoli attraverso un processo chiamato rabdomiolisi, che può aumentare significativamente i livelli di transaminasi.

I livelli di transaminasi indotti dall’esercizio sono mai motivo di preoccupazione?

La preoccupazione dei medici dipende dal livello di anomalia. In generale, è bene che i pazienti con malattie del fegato si esercitino, in particolare quelli con malattia del fegato grasso. In effetti, vediamo una tendenza verso un miglioramento dei livelli di ALT e AST nei pazienti che eseguono un esercizio fisico moderato, indipendentemente dall’eziologia della loro malattia epatica. Pertanto sconsigliamo esercizi molto pesanti in questi pazienti, ma una quantità moderata non causa problemi.

Quali sono i livelli più alti di transaminasi che potrebbero essere attribuiti a un esercizio fisico intenso? A che livello i medici dovrebbero iniziare a cercare un’altra causa?

Accettiamo che 1–2 volte il limite superiore della norma sia attribuibile all’esercizio o ad alcuni farmaci come i farmaci per abbassare il colesterolo. Al di là di questo livello, ci dovrebbe essere sicuramente la preoccupazione di una condizione epatica clinicamente significativa.

Quali sfide presentano gli aumenti delle transaminasi indotti dall’esercizio per i medici curanti?

Alcuni medici, siano essi gastroenterologisti o internisti, dimenticano che l’esercizio fisico può causare questa anomalia. Ho ricevuto referti nella clinica per malattie del fegato per una persona perfettamente sana che sta facendo esercizio, la cui storia non è stata rilevata o non è stata creduta dal medico. Questo rinvio può portare a uno spreco di risorse su pazienti che non hanno malattie e nessun altro sintomo oltre a questi livelli elevati di transaminasi.

È importante interrogare i pazienti sulla loro storia di esercizio, in particolare se hanno recentemente iniziato un nuovo regime. Se un paziente ha appena iniziato a sollevare pesi, ci sarà qualche lesione muscolare associata, al contrario del condizionamento continuo di un normale atleta.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*